EVENTI

gił

I° Concorso Internazionale
"Papįs Giuseppe Faraco

 

Comunicare l'Arbėria attraverso la
fotografia e le tecnologie multimediali
 
Associazione Culturale Arbitalia
 

gił

 

 

Festival della Canzone Arbėreshė

serpente

Anfiteatro Comunale - San Demetrio Corone
 

gił

 

nota musicale

          Tra le iniziative organizzate dagli italo-albanesi per tutelare e promuovere il loro ricco e peculiare patrimonio culturale, un posto preminente č occupato dal Festival della canzone arbėreshė, sia per il massiccio coinvolgimento di tutte le componenti sociali sia per la preziosa opera di stimolo che svolge in direzione della ricerca e dell'arricchimento linguistico-musicale.
L'idea del Festival - come ha pił volte sottolineato l'avv. Giuseppe D'Amico, ideatore della manifestazione insieme al "gruppo" della Radio Skanderberg - č nata, nel 1980, dalla constatazione che il patrimonio musicale degli arbėreshė era costituito essenzialmente dai "viershė" (canti tradizionali), e che rea diffusa, specie tra i giovani, l'esigenza e la voglia di produrre brani nuovi sia nelle tematiche e sia nei ritmi.
Il successo č stato immediato ed ha superato, fin dalla prima edizione, le pił rosee previsioni e gli organizzatori hanno cosģ visto la loro "creatura" varcare gli angusti confini comprensoriali e diventare un avvenimento di rilievo nazionale.
Il Festival, in tutti questi anni, ha prodotto centinaia di nuove canzoni, ha lanciato decine e decine di autori ed interpreti. Ma č diventato anche il "simbolo" e la "bandiera" dei discendenti di Skanderberg che, da oltre cinque secoli, vivono in ben 52 comunitą dell'Italia Centro-meridionale. E, ritrovarsi ad agosto a San Demetrio Corone, per la serata finale, č diventato un appuntamento classico e, per certi versi, "religioso". Un raduno che, al dilą dello spettacolo, ha una profonda valenza etnico-sentimentale. Un momento di gioia e di festa, ma anche di lotta per la difesa della propria "diversitą" e contro la massificazione e la strumentalizzazione dilaganti.
Il Festival, passo dopo passo, č diventato la "voce" di tutti gli arbėreshė, il suo "termometro", non solo in campo linguistico e musicale, e ne esprime le ansie, i dolori, gli umori, le gioie e le speranze.
Le canzoni partecipanti, inedite e in lingua arbėreshė (la parlata della diaspora) o shqipe (la lingua dell'Albania), affrontano le tematiche pił diverse, ma con l'occhio sempre attento alle problematiche specifiche delle "piccole patrie"
Vari i generi musicali che spaziano dai motivi tradizionali orientaleggianti, al filone melodico-sentimentale della canzone italiana e alle nuove tendenze internazionali..
Una produzione, quindi, di una comunitą viva e moderna che, saldamente legata al passato, si rinnova nella tradizione.
Da qualche anno, per coinvolgere nell'azione di "risveglio" nuove realtą, il Festival effettua la "serata di selezione" in uno dei Comuni italo-albanesi.
Dal 1994, come segno di continuitą storico-culturale, é stata concordata un'intesa bilaterale che consente al vincitore della rassegna di San Demetrio Corone di partecipare al Festival della canzone albanese di Tirana, e viceversa.
Il Festival non č perņ, solo musica. Accanto ad esso, infatti, ruota tutta una serie di iniziative collaterali (sfilata di ragazze negli splendidi costumi tradizionali, mostre di arte e di artigianato, stand gastronomici con specialitą locali ed esibizioni di gruppi folkloristici) che hanno come favolosa cornice scenografica il vetusto e glorioso Collegio Italo-Albanese e la preziosa ed affascinante Basilica di Sant'Adriano.

Pasquale De Marco

 

Tutto sul Festival della Canzone Arberesh
www.festivalarberesh.com
 
 

ALBO D'ORO

1° Festival 1980
"Njė kartė ka Germania"/Una lettera dalla Germania
(di Solano-Pagliaro) Michele Baffa (Santa Sofia d'Epiro)
 
2° Festival 1981
"Sot u zgjova"/Oggi mi sono svegliato
(di Alfio Moccia) cantata dall'autore (San Benedetto Ullano)
3° Festival 1982
"Mallėngjimi"/Malinconia
(di Candreva-Stamile) Elvira Stamile ed Elena Tocci (San Martino di F.)
 
4° Festival 1983
"Sa hėrė tė kultova"/Quante volte ti ho ricordato
(di Cosmo Rocco) Trio Algieri-Cassiano-Iuele (San Cosmo A.)
 
5° Festival 1984
"Ajri i jetes"/Il vento della vita
(di Ventre-Torchia-Sposato-Leone) Annalisa De Marco (San Demetrio C.)
 
6° Festival 1985
"Jemi njė kulturė cė ngė mėnd vdes"/
Siamo una cultura che non puņ morire
(di Cacozza-Sposato) Pino Cacozza con il gruppo"85 (San Demetrio C.)
7° Festival 1986
"Qeva"/Sono stato
(di Ernesto Iannuzzi) Ernesto e Vittorio Iannuzzi (San Demetrio Corone)
8° Festival 1987
"Me njė mik afer"/Con un amico vicino
(di Cacozza-Bartolo) Pino Cacozza ed Ernesto Iannuzzi (San Dem. C./Firmo)
9° Festival 1988
"Kjo ėshtė festa mė e made cė ka Arbėria"/
Questa č la festa pił grande dell'Arberia
(di Pino Cacozzai) Gennaro De Mauro(San Demetrio Corone)
10° Festival 1989
"Pėrralza e mallit"/La favola dell'amore
(di Altilio Mazzotti) Roberta Pugliese (Spezzano Albanese)
11° Festival 1990
"Mos m'e caj...ngullinė tė kėndonj"/
Non sopprimere la mia voglia di cantare
(di Martino-Minisci-Visciglia-Di Martino)
Demetrio Di Martino e le Blues Sisters (San Demetrio Corone)
12° Festival 1991
"Jap hare"/Do allegria
(di Pagliaro-Gjebrea) Ardit Gjebrea ( Albania)
13° Festival 1992
"Njė serenatė pėr tji"/Una serenata per te
(di Cosimo e Damiano Scaravaglione)
cantata dagli autori  (Spezzano Albanese)
 
14° Festival 1995
"Shtyre njė vjershė" Canta una canzone
(di Francesco Scaravaglione)
Fratelli Scaravaglione ed Eviz Kruta (Spezzano Albanese)
 
15° Festival 1996
"Eksodė" Esodo
(di Francesco Scaravaglione)
Cosimo e Damiano Scaravaglione (Spezzano Albanese)
 
16° Festival 1997
"Ave Maria"
(di Francesco Scaravaglione)
Fratelli Scaravaglione (Spezzano Albanese)
 
17° Festival 1998
"Arit ēė na dhe" L' oro che ci hai dato
(di A. Paloli, V. Macrģ, A. Ponte)
gruppo "Vuxhet Arbėreshe" (San Demetrio Corone)
 
18° Festival 1999
"Shėmbria Madhe" Madonna Grande
Testo di Maria Persichitti - Musica de "La Kamastra"
Gruppo "La Kamastra" - Montecilfone (CB)
19° Festival 2000
 

gił

 
microfono
Festival Euro - Mediterraneo
della Musica e della Danza Etnica Arbėreshė
 
Civita
 
 
  
   ritornarberia                                                                                               sł