storia

         

          San Costantino Albanese Ŕ adagiato sulle pendici orientali della Timpa San Nicola un monte che domina la Valle del Sarmento (m 1.083 affluente di destra del fiume Sinni). Come nel versante calabro del massiccio, anche in quello lucano vi sono paesi albanesi, che dell'antica terra d'origine conservano nobili tradizioni. San Costantino Albanese Ŕ stato fondato appunto nel 1534 da profughi albanesi provenienti da Corone, cittadina della Morea, protetti dall' imperatore Carlo V con il quale aprirono segrete intese per contribuire alla resa dei turchi che, appunto, occupavano la fortezza di Corone. Dopo aver dimorato del tempo presso la corte di Napoli, ai profughi albanesi toccarono le terre incolte del ducato di Noja ove sorse il Casale Albanese. ll centro venne quindi molto probabilmente fondato da profughi albanesi, che tra il 1543 e il 1550 si rifugiarono nel Monastero baronale di Santa Maria della Saectare. Si ritiene che il primo insediamento fosse nella localitÓ Lupariello; successivamente il paese divenne dominio feudale dei Pignatelli. Delle origini albanesi si conservano come giÓ detto il rito greco e la lingua di origine e gli abitanti si chiamano SancostantinÚsi.

 

 

stemma

Stemma comunale

ritorna