storia

         

          Sorge su uno sprone del versante orientale della Catena Costiera alla sinistra del torrente Turboli. Il nome deriva dal latino "quercus" in quando il luogo abbonda di querceti di proprietą, un tempo, del principe di Bisignano. Fu fondato da un gruppo di famiglie profughe dell'Albania, verso il 1478. Fu prima compreso nella Baronia di San Marco e poi passņ ai Cavalcanti Signori di Torano. Tuttora la lingua parlata č l'albanese e si conservano alcune significative tradizioni del paese d'origine. I francesi nel 1799 lo fecero ricadere nel cantone di Acri e nel 1807 lo includevano nel cosiddetto governo di San Marco. Nel 1816 i Borboni lo dichiararono capoluogo. Ha dato i natali a Giuseppe Petrassi, poeta, patriota e albanologo di fama e a Padre Antonio Santoro, scrittore albanese. Presero parte ai moti risorgimentali: M. Candreva, F. Capparelli, D. Franzese, D. Gliosi, Don Giulio Petrassi. Assieme ai fratelli Bandiera furono fucilati nel vallone di Rovito, a Cosenza, Raffaele Camodeca e Federico Franzese di Cerzeto. A San Giacomo visse lo scrittore albanese Padre Antonio Santoro. Gli abitanti si chiamano Cerzitani o Cerzetesi e il patrono č San Nicola che viene festeggiato il 6 dicembre.

San Giacomo (Shėn Japku)

A sud di Cerzeto, distante 1 km circa, ai piedi del colle Serra dei Muli (rahji mushkave), coperto da secolari castagni, si trova la frazione di San Giacomo (Shėn Japku) che prese il nome dalla Cappella di San Giacomo che alla venuta degli albanesi nel 1534, preesisteva alle falde del monte Sant'Elia.

Cavallerizzo (Kajverici)

A nord di Cerzeto, a circa 3 km, sorge la frazione di Cavallerizzo (Kajverici), detto anche "San Giorgio in San Marco" e anche "Cavalato", che prese il nome da un cavallerizzo al quale il Principe di Bisignano cedette il feudo. Successivamente passņ Pietrantonio Selvaggi, a Franco Antonio De Belvis ed infine alla famiglia Dattilo.

abito Cavallerizzo

Abito tradizionale femminile di Cavallerizzo

 

 

palazzo

Palazzo Maierą

Abito San Giacomo

Abito tradizionale femminile di San Giacomo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ritorna