monumenti

          

           Maestosi sono i portali settecenteschi del centro storico con stemmi e numerosi archi e archetti che caratterizzano le viuzze.

Importante è la cappella con chiesa della famiglia dei Rodotà dei Coronei, dedicata alla Madonna del Buon Consiglio dei primi anni del 1770, dove la balaustra dell'altare, chiaramente latina, contrasta con l'altare quadrato sormontato da quattro colonne tipicamente di stile bizantino. Conserva un’icona lignea barocca dipinta e dorata raffigurante la padrona della chiesa sorretta da un angelo e due putti del sec. XVIII. Il soggetto si rifà alla tradizione di una effigie della madonna protettrice degli Albanesi, portata dagli angeli da Scutari in Italia. Secondo la leggenda, la Madonna indicò la strada e guidò i profughi che lasciavano la patria sotto l’incalzare dei Turchi. Il gruppo scultoreo venne portato nel 1737 da Gennazzaro a San Benedetto. Interessante anche un tronetto con ciborio ligneo del ‘700.

Nella Chiesa Parrocchiale degna di interesse è la cappella della famiglia Rodotà de’ Coronei ove è posto il busto marmoreo del 1740 di Felice Samuele Rodotà, primo vescovo di rito greco per le ordinazioni degli Italo-Greci e Albanesi di Calabria. In una nicchia della navata, lunga epigrafe commemorativa in marmo datata 1740. Accanto alla porta laterale d’ingresso, busto marmoreo di papa Clemente XII (a. 1736), fondatore, nel 1732, del vescovato greco e del seminario nella Badia di San Benedetto Ullano per gli Italo-Albanesi. Bella un’acquasantiera ricavata dall'Urna Cineraria marmorea di età romana di Lucio Aurelio Stefano, forse console romano. L'urna con decorazione di bucrani (teste caprine) e festoni, reca l’iscrizione: D.M.L. Aurelio Stephano Proc. Averedis Ang.
Su un dipinto di ignoto del sec. XIX sono effigiati: Madonna del Rosario con i SS. Domenico e Rosa.
Le statue lignee modellate da ignoti del ‘700, raffigurano: Immacolata, San Francesco di Paola, San Rocco, Madonna del Rosario.

Importante la chiesa di San Rocco, di costruzione Settecentesca con bellissimo portale e finestrone in tufo lavorato, ora dissacrata e cadente.

Interessante è la Chiesa di San Salvatore in località Piano dei Rossi, di recente costruzione, realizzata nei caratteri tipici di recupero delle forme stilistiche bizantine.

Nella frazione Marri ricordiamo la Chiesa di San Giuseppe.

Casa di Agelisao Milano

Casa d'interesse storico, perché vi ebbe i natali Agesilao Milano, cospiratore calabrese, impiccato dai Borboni, perchè, l'8 dicembre 1856, tentò di uccidere, con la baionetta, Re Ferdinando II, durante una rivista militare (1830-1856).

Casa di Eugenio Conforti

Casa d'interesse storico municipale, perché vi ebbe i natali Eugenio Conforti, cospiratore calabrese, martire della Causa Risorgimentale.

 

 
 
portale
Portale settecentesco
 
 
matrice
Chiesa Matrice
 

urna cineraria

Urna cineraria di Lucio Aurelio Stefano

 

ritorna