tradizioni

      

           Il 27 settembre di ogni anno si svolge una grande fiera - mercato con festeggiamenti in onore ai Santi Medici Cosma e Damiano, patroni del paese e nella cui chiesa giungono in pellegrinaggio migliaia di fedeli, provenienti da ogni parte della regione. Si possono ammirare in questa occasione i variopinti e caratteristici costumi albanesi delle donne provenienti dai centri albofoni.

          In novembre si festeggiano i Santi Cosma e Damiano (Shėn Kozmaj) ed č una festa tipicamente locale. Nella foto un panorama di San Cosmo Albanese ripreso dall'alto.

Si dice che chi nasce la notte di Natale nello stesso momento in cui il sacerdote giunge alla consacrazione, sarą una Ora (strega) se femmina, Pipinaro (lupo mannaro) se maschio. Per scoprire chi appartiene a questa schiera č sufficiente che il sacerdote, durante la messa di Pasqua, lasci il Vangelo aperto sull’altare. Coloro i quali sono prigionieri delle tenebre, resteranno inchiodati ai banchi della chiesa. Si usava anche portare in chiesa un’erba chiamata zoijra che avrebbe consentito di mascherare Ore e Pipinari.

Costume tradizionale

Il costume tradizionale di San Cosmo Albanese č assai variopinto. Nella coha (sopragonna) prevale l'uso dell'azzurro che contrasta con l'oro dei larghi galloni, dei monili e delle decorazioni della keza (copricapo simbolo della donna maritata). Il merletto, poi, col candido bianco, accentua la luminositą dei colori.

 

ritorna a San Cosmo    

 

panorama
San Cosmo

abiti San Cosmo

Abiti tradizionali di San Cosmo Albanese tratti
dal volume "Costumi degli albanesi d'Italia"