storia

         

          Sorge quasi ai confini della Puglia, sulle rovine della città italica di Cliternia, dal greco Pleuron significherebbe costa (della quale resta ancora oggi una testimonianza nel vicino borgo di "Nuova Cliternia"), a 221 m s.l.m.
La collinetta, che degrada lievemente verso la costa adriatica, guarda dall'alto il litorale lungo il quale si estendono le spiagge. Qui sorge Marina di Chieuti, una lingua di sabbia sul confine tra la provincia di Foggia e quella di Campobasso, che ormai da molti anni mantiene il riconoscimento della "Bandiera Blu" annoverando le sue tra le acque più pulite della penisola italiana. Nel corso dei secoli Chieuti fu feudo di grandi famiglie come i Carafa, i Guevara, i Gonzaga, i d'Avalos e i Maresca.
                In paese molti parlano e comunque capiscono l'arbereshe, forma arcaica dell'albanese."Nelle nostre scuole -spiega il primo cittadino- la doppia lingua è già una realtà. La quasi totalità dei nostri impiegati pubblici è bilingue".
Gli albanesi giunsero a Chieuti negli anni che vanno dal 1461 al 1470, quando Giorgio Castriota Scanderberg (principe di Krujia in Albania), inviò un corpo di spedizione di circa 5.000 albanesi guidati dal nipote Coiro Stresio in aiuto a Ferrante I d'Aragona nella lotta contro Giovanni d'Angiò. Le popolazioni quindi, ed anche Chieuti, subirono quella che fu nella storia delle colonie albanesi in Italia, la terza migrazione. Per i servizi resi, furono concessi al principe Scanderberg diritti feudali su Monte Gargano, San Giovanni Rotondo e Trani e fu concesso ai soldati e alle loro famiglie di stanziarsi in ulteriori territori. I coloni albanesi rifondarono le terre e vissero convivendo pacificamente per lungo tempo con la popolazione locale.
                Il paese sorge su uno sprone prospiciente il Mare Adriatico, tra il torrente Saccione e il fiume Fortore.
               Il centro storico è caratterizzato da basse case con pittoreschi balconcini ricolmi di fiori, antichi palazzotti e vicoli stretti da cui s'intravedono panoramici scorci sulla costa che dista solo una decina di km. L'economia, oltre che sul turismo prevalentemente estivo, si basa anche sull'agricoltura, favorita dal fertile terreno. Gli abitanti si chiamano Chieutini.

 

mura Turrite

Mura Turrite

ritorna