monumenti

         

           Senza dubbio, la Residenza Fortificata è il monumento più interessante di Roccaforzata, per la sua storia, per le leggende riferite alla presenza di fantasmi che lo hanno avviluppato e per la ristrutturazione intervenuta che ha consentito di restituirle tutto il suo valore storico-architettonico.
"Nelle parti più alte del colle è situato il palazzo baronale ampio e massiccio, circondato da fosche leggende popolari che narrano di fantasmi e di avventure fantastiche. A pianta rettangolare, con la facciata rivolta a levante, l’edificio mostra esteriormente l’aspetto tipico della residenza feudale cinque-secentesca. Il portale monumentale archivoltato è a bughe sporgenti, le numerose stanze del piano terreno non hanno che solo qualche finestra sull’esterno ; al contrario di quelle superiori illuminate da monofore rettangolari, sei delle quali si aprono sulla facciata.
Gli ambienti sono distribuiti intorno ad un ampio atrio rettangolare cui si accede dal portale esterno tramite un profondo androne.
I vari interni sono generalmente quadrati o, se rettangolari, formati da un accostamento di vani quadrati coperti a crociera o a crociera stellare, tipicamente cinquecentesca. Una particolare tecnica di grande interesse è costituita dalla volta di un grandissimo ambiente del piano superiore formato da un interessante innesto di una crociera stellare su cui si imposta una cupoletta rotonda a ciotola.Sicuramente una parte della residenza risale al 1407. Lo attesta il fatto che il feudatario di allora ospitò Ladislao d’Angiò Durazzo, re di Napoli, in occasione delle nozze di questi con Maria d’Enghien.
Recentemente la residenza, per volere di Salvatore Pasanisi, l’attuale proprietario, è stata felicemente ristrutturata. I lavori hanno consentito di distinguere la struttura del ‘600 con blocchi di carparo squadrati da una ben più antica rocca o meglio torrione quadrato in pietrame, completamente incamiciata dalla successiva compagine. L’esame tecnico della torre ha confermato che la sua costruzione risale al periodo compreso fra il XIV e il XV secolo.

Interessanti sono da visitare inoltre:
La Chiesa della SS. ma Trinità, luogo di culto del XVI secolo. Costruita dagli albanesi;

la Cripta San Teodoro.

 

ritorna