storia

         

          E' situato nella parte meridionale dei monti Erei, alla destra del fiume Tempio. Esistente in etÓ saracena Yhanzaria, poi detto Cansaria, ebbe nome dalla Chiesa di San Michele. Popolato prevalentemente da coloni greco-albanesi, pare che il maggior sviluppo del borgo si ebbe sotto la dominazione angioina (seconda migrazione in Sicilia). Nei registri di Federico II d'Aragona risulta Signore di Cansaria Enrico d'Altavilla, ma appaiono possessori, nello stesso tempo, Gentile da Padula da Caltagirone e i suoi eredi. Successivamente da Giulia e Luigi Marano, la signoria, per deliberazione di Re Martino, pass˛ a Ranieri (1395). Dopo il 1447 il borgo pervenne alla famiglia Gravina. Il 25 settembre 1534 tra il barone Antonio Gravina ed un gruppo di profughi albanesi furono concordati i "capitoli di fondazione". Alla base dell'accordo vi era, per gli albanesi, l'impegno a condurre sul luogo trenta famiglie; il barone Gravina avrebbe fatto approntare delle capanne provvisorie e avrebbe fatto costruire, entro tre anni, delle abitazioni definitive per gli albanesi. Gli albanesi avrebbero coltivato il feudo in cambio delle case. Nel 1625 Filippo IV nomin˛ Giovanni Gravina primo Duca di San Michele. Oggi San Michele di Ganzaria gode di estesi boschi, prati e fiorenti aree coltivate. Aziende artigiane vi operano nei settori alimentare e del legno. Gli abitanti si chiamano SammichelÚsi.

 

 

stemma San Michele di Ganzaria

Stemma comunale

ritorna