monumenti

         

           Interessante sono da visitare:

sono le più belle tombe a "Tholos" della Sicilia, scavate sui fianchi Sud-Est del colle su cui sorge l'abitato moderno del paese.

Seguendo un sentiero scavato nella roccia, e reso percorribile da una corda passamano, partendo dall'alto si arriva dopo pochi metri alla tomba detta di Sant'Angelo o del "Principe". Essa si costituisce di due ambienti-camere circolari, di cui la prima con la volta a cupola è alta metri 3,5 e 9 metri di diametro. La seconda camera è quella sepolcrale con letto funebre in pietra che si erge dal pavimento. Si tratta della più grande e monumentale tomba a Tholos della Sicilia, trasformata nel periodo bizantino in cappella. La tomba presenta influenze egeo-micenee, forse irradiate dalla vicina Eraclea Minoa, in una età comunque posteriore a quella micenea. La grotta sicana divenne, nel tempo, chiesa bizantina, casa di prostituzione e covo di briganti; secondo una leggenda, alla fine, vi si stabilì Sant'Angelo, l’uccisore del drago.

Seguendo il tracciato si possono ammirare le altre tombe, alcune delle quali sempre a due camere, altre ad una. L'architettura funeraria ed i corredi rinvenuti in esse riecheggiano le particolari strutture delle tombe micenee. Da queste tombe sono stati portati alla luce durante varie campagne di scavi, oltre ad una serie innumerevole di vasi di diverse dimensioni, due  in oro del secolo VII-VI a.C. conservati al museo archeologico "Paolo Orsi" di Siracusa, e una serie di patere auree, di cui una con fregio di tori è custodita al British Museum di Londra.

patera
Patera aurea esposta al British Museum di Londra
occhio    occhio 2
Anelli-sigillo in oro

 

Nel centro storico del paese ricordiamo:

la Chiesa Madre

la Chiesa dell'Itria

la Chiesa del Carmelo

 

 
necropoli
Tholos
 
grotta del principe
Grotta del Principe o di Sant'Angelo
 
chiesa Madre
Chiesa Madre
 
chiesa dell'Itria
Chiesa dell'Itria
 

ritorna