Seconda migrazione di albanesi in Italia
1416 - 1442  ( Demetrio Reres ed i figli Giorgio e Basilio)
 

          La seconda migrazione risale agli anni 1416 - 1442, quando Alfonso I d'Aragona, nella lotta per la successione al Regno di Napoli contro Roberto III d'Angiò, ricorse ai servizi di Demetrio Reres, nobile condottiero albanese, che assieme ai suoi figli Giorgio e Basilio, portò con se tre poderose squadre albanesi.

          Demetrio Reres combatté soprattutto in Calabria contro i seguaci dell'Angioino e per questo avrebbe meritato, per i servigi resi, una ricompensa consistente nella donazione, nel 1448, del governo amministrativo della Calabria Ultra e il diritto per gli albanesi di insediarsi in diversi casali.

          I paesi popolati sarebbero stati: Andali, Amato, Arietta (scomparso),Casalnuovo d'Africo, Vena di Maida, Zangarona di Lamezia Terme, Marcedusa, Pallagorio, San Nicola dell'Alto e Carfizzi.

                              

          Cartina    

 

guerrieri2

nave

cartina seconda migrazione
  1.   Carfizzi
  2.   Pallagorio
  3.   San Nicola dell'Alto
  4.   Marcedusa
  5.   Andali
  6.   Vena di Maida
  7.   Zangarona di Nicastro
  8.   Amato
  9.   Casalnuovo d' Africo
  10. Santa Cristina Gela
  11. Mezzojuso
  12. Sant'Angelo Muxaro
  13. Piana degli Albanesi
  14. San Cipirello
  15. Palazzo Adriano
  16. Contessa Entellina
  17. Bronte
  18. Biancavilla
  19. San Michele di Ganzaria
            
           Successivamente i due figliuoli di Demetrio Reres, Giorgio e Basilio, si spostarono per fornire aiuto a Ferrante I d'Aragona contro i feudatari siciliani e così vengono create nuove residenze albanesi nella Sicilia Orientale:
Bronte, Biancavilla, San Michele di Ganzaria.
E poi nella Sicilia Occidendale:
Piana dei Greci (ora Piana degli Albanesi), Santa Cristina Gela, Contessa Entellina, Palazzo Adriano, Mezzojuso, Sant'Angelo Muxaro, San Cipirello (Estinto).
  
     ritorstoria