.

        .

           Maurizio Vitiello su Franco Cortese
                                             
                                                                      Progetti Alati
 

 

PROGETTI ALATI

     Franco Cortese ha sempre guardato alla sua terra pugliese, gravida di umori ed erede di forti tradizioni, ma anche e contemporaneamente al moderno.

     Riporta e metabolizza nelle sue sculture una solidità di sintesi, che dichiara misurate registrazioni di combinazioni ardite, ed anche estreme, di valenze antiche e di prospettive future.

     Negli inarcati legni e negli addolciti ferri trova una forte eco il tempo.

    Impostando richiami arcaici e sostenendo legami futuri innerva le sculture di fremiti, che sottolineano un tracciato di sequenze in cui si coniugano rimandi e reperti della civiltà contadina ed impronte di sapori odierni e tracce di riferimenti futuri

     Nella dinamica tensiva delle sue sculture vive una sospesa sacralità, che non cela recuperi sottili ed evocazioni arcane.

     Le ultime elaborazioni plastiche di Franco Cortese riempiono il loro valore iconico di una fisicità consapevole, venata da una spiritualità ascendente e da una ieratica fascinazione.

     Oltre al legno, al ferro, alla corda, all’ottone, all’argilla, l’artista continuerà ad usare altri metalli e pietre pugliesi per proseguire a stabilizzare una “cifra” estetica, che lo vede tra i maggiori protagonisti della scultura di felice matrice mediterranea (si ricorda che, a marzo ‘98, è stata acquisita dalla Pinacoteca Provinciale di Bari l’opera “Il pendolo ballerino”).

     Il verso linguistico di Franco Cortese, disposto su archi tesi e su linee aggettanti, racchiude sensi antichi e valenze segniche attuali, che oltrepassano la storia e la cronaca e diventano metafora di meccanismi vitali e di dinamiche attive.

     Franco Cortese, oltre a realizzare opere di sostenute proporzioni, sta ora producendo in scala ridotta ed in saggi minimali composizioni che rimandano percorsi etno-ludico-spaziali.

     Nel modificare morbidamente il ferro e nel privilegiare la pietra, per suggerire un paradigma di confronti, l’artista solleva una musicalità, grazie ad un’essenzialità di armonie e ritmi che esalta le  ultimissime prove plastiche, ben sospese tra pesi e contrappesi e tra battiti e slanci, ponderatamente disposti con rarefatta oggettività ed egregiamente regolati da diramazioni vibranti.

 

                                                                                                                                                                                                                              

Winged projects

 

     Franco Cortese always looks at his earth "Puglia" which is pregnant of humours and heir of strong traditions, but also and contemporarily at the modern.

     It brings and it metabolises in his sculptures a solidity of synthesis, that declares measured recordings of game combinations, and also extreme, of ancient values and of future perspectives.
     In his curved woods and softened  irons the time   finds a strong echo.
    Archaic calls and future bonds innervate the sculptures of shiver, that underline a layout of sequences where cross-references and finds of the country-civilization and imprints of today's tastes and traces of future references are combined.
     In the dynamic tension of his sculptures there’s a suspended sacredness, that doesn't conceal thin recoveries and arcane evocations.
     The icon value of Cortese's last plastic elaborations fills with an aware construction , veined by ascending spirituality and by a hieratic fascination.
     Besides  wood,  iron, rope, brass, clay, the artist will continue to use other metals and stones from "Puglia" in order to continue to stabilize one aesthetical " figure ", becoming part of  the greatest protagonists of the sculpture from happy Mediterranean matrix ( in March ' 98, his work "The dancing pendulum" was acquired by the Pinacoteca Provinciale in Bari) .
     The linguistic verse of Franco Cortese, prepared on tightened arcs and on sticking out lines,  contains ancient senses and actual sign values, that go beyond the history and the chronicle and they become metaphor of vital mechanisms and active dynamics.
     Franco Cortese, besides his works of sustained proportions, he is now producing wise minimal compositions in reduced scale that refer to ethnic-playful-spatial runs.
     Modifying  iron softly and favouring stone, in order to suggest a paradigm of comparisons, the artist lifts musicality, thanks to the essentials of harmonies and rhythms that exalt the last plastic works, well suspended between weights and counterweights and between pulsations and rushes, carefully prepared with attenuate objectivity and well regulated by vibrating ramifications

Maurizio Vitiello

Sopra

 
CERIS ARTE
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea