.

      .

       Maurizio Vitiello sul "Madi"

PRESENZE "MADI" NEL NUOVO SPAZIO ESPOSITIVO "PASSAGGIO BIANCO"

 
Saverio Cecere
 
...........Saverio Cecere, Aldo Fulchignoni, Renato Milo, Antonio Perrotelli, Marta Pilone presentano nel nuovo spazio "Passaggio Bianco" allocato nel Cortile d'Onore di Palazzo Serra di Cassano, a Monte di Dio, alcuni esempi della loro produzione "Madi", che abbiamo avuto modo di apprezzare, all'inizio dell'anno in una grande mostra di ampio respiro, allestita nelle prestigiose sale della Reggia di Portici.
...........I cinque artisti operano a livello internazionale e si propongono nel calibrato atteggiamento "Madi", che sempre più appassiona ed interessa.
...........I cinque operatori si ritrovano con gli amici-artisti a Parigi, a Roma, a Milano, ma fatalmente più spesso a Napoli, perché hanno studio in Campania ed il centro d'attrazione per questa regione, non scordiamolo della "Magna Grecia", è la città partenopea, che sta vivendo una stagione d'oro per le arti visive contemporanee.
...........C'è ancora voglia a Napoli di fare arte, di aprire gallerie, caffè culturali e minimi spazi "per esserci" e per seguire le novità degli artisti, che qui non mancano e a cui non fa difetto la creatività.
...........Nel 1999 il movimento 'Madi" ha esposto, se ben ricordo, al Palazzo Foglia di Ostiglia, in provincia di Mantova, alla libreria Franco Maria Ricci di Napoli, all'Associazione Culturale "Il Pilastro" di Santa Maria Capua Vetere, in provincia di Caserta, alla Galleria Civica di Gallarate, in provincia di Varese, e nel 2000 alla Reggia di Portici, in provincia di Napoli, ed ora questa pattuglia di militanti "Madi" produce un momento "sintetico" di riflessioni per sottolineare un periscopico invito a sollecitare attenzioni ed adesioni. 
...........Questi artisti disciplinatamente verificano gli esiti dell'era tecnologica ed il "nuovo" è indagato e condotto per corroborare esigenze estetiche e intenzionalità funzionali e d'intesa partecipazione risultano le loro opere, tutte studiate a sviluppare non solo istanze eminentemente progettuali, pertinentemente ludiche e costantemente innovative, ma affermative di quel robusto sostegno che alimenta ulteriori originali realizzazioni che si (inter) connettono per soddisfare esigenze umane nell'attuale contesto tecnologico avanzato.
...........Insistono, nelle loro esemplari prove, annotazioni e registrazioni, che percorrono, parallelamente alla linea e ai derivati geometrici, potenziali itinerari della logica.
...........Attendere alle strutture visive, e continuamente agire per ridefinirle nella sostanziale molteplicità d'apertura e flessibilità cinetica e dinamica, è esigenza primaria di questi operatori, che seguitano, con metodo, a risolvere carature dello spazio e adattabilità e versatilità massima ed estesa, anche estrema, della concretezza dei materiali scelti.
...........Osano superare frontiere plastiche, riscoprire affidabilità delle materie e dei liquidi, riqualificare l'universo dei segni, ridefinire l'anima delle strutture, elaborare un differente orizzonte dell'architettura visiva.

Maurizio Vitiello         

 

 

 

 

  Sopra 

Aldo Fulchignoni
 
Renato Milo
 
Antonio Perrotelli
 
Marta Pilone
 
 
CERIS ARTE
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea