.

        .

            Maurizio Vitiello su Padula
                      
Nota sulla mostra "Le Opere e i Giorni", allestita alla Certosa
di San Lorenzo di Padula (SA), ideata da Achille Bonito Oliva.

 

.
 
..........I luoghi dove i monaci si dedicavano alla vita contemplativa diventano laboratori artistici, spazi creativi in cui vari e variegati linguaggi possono contaminarsi ed interagire tra loro.
Accade alla Certosa di San Lorenzo a Padula (SA), dove la Soprintendenza di Salerno e Avellino promuove e organizza, in collaborazione con la Regione Campania e la Provincia di Salerno, dal 9 al 29 settembre 2002 "Le Opere e i Giorni", una mostra ideata e curata da Achille Bonito Oliva, prima tappa di un percorso artistico che durerà tre anni, fino al 2004.
L'evento si realizza nel mese di settembre di ogni anno, coinvolgendo nel triennio 2002-2004, sessanta artisti di provenienza internazionale attivi in diversi ambiti: pittura, scultura, fotografia, video, musica, regia, danza, teatro, prosa e poesia.
Gli artisti vivono e lavorano all'interno della Certosa, uno dei più importanti complessi monastici dell'Italia meridionale, recentemente restaurato.
Negli ultimi tre giorni mostrano al pubblico il risultato della loro riflessione artistica: esposizioni, performance, installazioni, dibattiti, rappresentazioni e concerti riempiono di suoni, luci e colori gli austeri ambienti della Certosa, che così torna a vivere e ad essere, come nel passato, il centro propulsore, sociale ed economico del territorio circostante.
La conoscenza dei modello di vita all'interno della Certosa è il filo conduttore dell'elaborazione di una ventina di artisti che sono ospitati ogni anno.
Nel 2002 il tema è il Verbo, ispirandosi al quale gli artisti lavoreranno tra lingua e linguaggi, nel 2003 il Precetto, per cui verranno segnalate alcune precettistiche d'arte, nel 2004 la Vanitas, per riflettere creativamente sulla vita e sulla morte.
Sottolinea l'ideatore e curatore: "L'evento è fortemente innovativo, l'artista vive e lavora non sullo spazio, ma sul tempo, dove si esprime rievocando l'ora et labora dei monaci certosini, vivendo una sorta di ozio attivo.
"Artisti invitati per il 2002: Maurizio Cannavacciuolo, Gianni Caravaggio, Letizia Cariello, Alessandro Diaz de Santillana, Ilaria Drago, Isabelkla Gherardi, Thorsten Kirchhoff, H.H.Lim, Rosaria Lo Russo, Fabio Mauri, Dorte Meyer, Gian Marco Montesano e Giulia Basel, Tommaso Ottonieri, Luca Pancrazzi, Luca Maria Patella, Mimma e Vettor Pisani, Antonio Rezza e Fiavia Mastrella, Lucia Ronchetti, Roberta Silva, Alessandra Vanzi, Lello Voce, Valentino Zeichen.
Il catalogo curato da Achille Bonito Oliva, comprendente le opere di tutti gli artisti intervenuti nel triennio, sarà pubblicato nel 2004.
La mostra nel suo svolgimento processuale sarà documentata da un video di Pappi Corsicato e dalle fotografie di Maria Mulas.
Francesco Prosperetti, Soprintendente di Salerno e Avellino, sottolinea: "In questo modo accogliamo l'orientamento del Ministero per i beni e le Attività Culturali in materia di arte contemporanea, collocarsi cioè nella realtà culturale nazionale e internazionale con proposte di eccellenza." Realizzato grazie al finanziamento dell'Unione Europea, "Le Opere e i Giorni" è la base di partenza per fare della Certosa la sede di una permanente di arte contemporanea con le opere che gli artisti lasciano all'interno del complesso.
Artisti contemporanei accanto ai maestri dei passato.
La Certosa infatti conserva una serie di opere: dipinti su tela e tavola, sculture lignee (XVI - XIX secolo).
Alcune sono in fase di restauro, un intervento che i visitatori possono seguire "in diretta"'.
Maria Giovanna Sessa, Direttrice della Certosa di San Lorenzo, segnala: "La Certosa, un antico luogo della contemplazione, della spiritualità, della pacificazione delle inquietudini umane, diventa così luogo della conservazione."
Accanto al Museo Archeologico, gestito dalla Provincia di Salerno, la Certosa offre al visitatore le mostre permanenti "La Certosa Ritrovata" e  "le Certose d'Europa".

Napoli, agosto 2002

Maurizio Vitiello

Sopra  

 
CERIS ARTE
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea