.

        .

           Maurizio Vitiello su Nuccia Pulpo
 “Orizzonti Mediterranei”

 

L’operatrice continua, con estrema serietà operativa, ad impostare valenze segnico-cromatiche per meglio raffinare ancora la sua “cifra” distintiva,  insieme portato e bandolo d'elezione di qualificante presa estetica. Con la mostra “Orizzonti Mediterranei” alla Galleria “Klimt” di Aversa (CE) l’artista tarantina Nuccia Pulpo ritorna, di nuovo, in Campania, dopo la mostra “Poli Mediterranei”, all’”Associazione Culturale “Labyrintho” di Caserta, marzo-aprile 2003, e la mostra “Mediterraneo” all’Associazione Culturale “Il Ramo d ‘Oro di Napoli”, novembre-dicembre 2002, presentata nell’occasione, tra gli altri, anche dal maestro Giuseppe Antonello Leone e dal regista Nando Romeo. Presenta alla Galleria “Klimt” una serie di lavori, in tecnica mista, degli ultimissimi anni, in cui si riaffermano trepidi appunti di viaggio e stimolanti cronache quotidiane, nonché umori, note e riferimenti su segnature, segnacoli e sensibilità dell’ambiente e dell’architettura mediterranea. Scriviamo ciò per indicare che la brava e vigile operatrice è ben motivata a sottolineare il respiro lirico delle sue elaborazioni pittoriche e a precisare che tutti i multipli segni che dirama sulla tela corroborano un impianto di scene su cui si animano e fluttuano trascendenze coloristiche, rutilanti sagome, abbreviazioni impresse d’istinto e segmenti contrappuntati con garbo. Nuccia Pulpo ha impostato riflessioni su diversi argomenti con varie serie di lavori, quali: “Le Metamorfosi di Ovidio”, “Il Carnevale di Venezia”, “Omaggio a Giacomo Puccini”, “Mediterraneo” e “Tracce di un cammino”. Nuccia Pulpo in chiari richiami ad un’identità mediterranea ripropone sostanziali eventi, tra illuminazioni stilistiche e mature significazioni compositive in cui flussi e livelli cromatico-espressivi raggiungono calibrate dimensioni di approfondimento, che avremo modo di apprezzare alla Galleria Klimt di Aversa, nuovo spazio espositivo di “Terra di Lavoro”.

Nuccia Pulpo, nata a Taranto nel mese di ottobre del 1956. Ha completato gli studi al Liceo Artistico di Taranto, e successivamente ha frequentato l'Accademia di Belle Arti di Bari. Artista dagli interessi interdisciplinari, si appassiona ad altre manifestazioni espressive come la musica, da cui scaturisce l’ "Omaggio a  Giacomo Puccini". Anche la moda come fenomeno di costume rientra tra le sue attività, e lo testimoniano la realizzazione, insieme ad altri operatori, dell'evento "Moda e Arte nel mondo dell'infanzia dal Medioevo ai giorni nostri", promosso dal M.O.I.C.A. di Taranto, nonché i disegni dei costumi per la realizzazione della mostra "Il Carnevale di Venezia" degli anni Ottanta. Intensifica via via la sua attività esponendo anche all'estero, soprattutto in Romania - Costanza - dove in concomitanza della personale dedicata a "Le Metamorfosi" di Ovidio viene celebrato un simposio sul poeta latino con la partecipazione del Vice Console Adrian Bavaru e dell' Assessore alla Cultura Doina Pauleanu. Anche le sale di Palazzo Reale, di Milano, accolgono la mostra sull'opera di Ovidio, inserendola all'interno alla rassegna del "Carnevale Ambrosiano", con la cura di Omella De Carli, Direttrice dell'Istituto per minori "I Martinitt".  Fa parte del gruppo" Arte e Scienza" della Fondazione Marittima "Michelagnoli" di Taranto come disegnatrice naturalista, ed è socia dell'Accademia Internazionale d'arte Moderna A.I.A.M. di Roma. È presente in qualificate rassegne, mostre personali e di gruppo. Attualmente ha anche trasformato il suo "Atelier"  in "Spazio Arte - Il Soppalco", avviando una significativa promozione culturale nella città ionica, soprattutto con alcune rassegne di respiro internazionale. Lavora nel proprio studio situato nel cuore pulsante di Taranto, in Corso Umberto n. 136.

Maurizio Vitiello

Sopra  

 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea