.

        .

           Maurizio Vitiello su Anna Russo
PARALLELISMI CROATICI E COMPENETRAZIONI SEGALETICHE
NELLE INDAGINI PITTORICHE DI ANNA RUSSO

Anna Russo

Un'opera di Anna Russo

.......... Le nuove generazioni alimentano il "focus" delle arti visive.
.......... Una "Campania Felix" esce dagli Istituti Statali d'Arte, dai Licei Artistici Statali e dalle Accademie di Belle Arti, che in realtà rappresentano un banco di crescita e di prova.
.......... Quei giovani che intendono continuare nel settore artistico sanno bene che imporsi si presenta molto problematico.
.......... Ci vuole, innanzitutto, carattere e personalità per maturare nell'ambiente ed arrivare a confezionare una "cifra" estetica diversa da tutte le altre presenti sulla scena.
 
.......... Anna Russo, nata a Pagani, in provincia di Salerno, nel 1966, dove vive e lavora, ha conseguito la maturità artistica a Salerno ed ha completato gli studi di pittura all'Accademia di Belle Arti di Napoli, fequentando i corsi dei maestri Armando Se Stefano e Bruno Starita.
.......... E' attivamente impegnata nel campo artistico e da tempo partecipa a rassegne d'importanza nazionale ed internazionale, ma preferisce esporre in personali.
.......... Il suo linguaggio, di vena spirituale, è attraversato da momenti di vera ed assoluta meditazione.
.......... Si possono notare forza e vitalità che si coniugano con una   tecnica personale.
.......... Creatività e passione fondono tonalità calde, che in alcuni casi fanno emergere angosce, inqietudini, ansie ed in altri appagamento, equilibrio, silenzio.
.......... Una meditata lettura delle sue opere c'informa di un costante temperamento che rende uno spontaneo lirismo "informel".
.......... Alcuni lavori, che non citiamo in ordine cronologico, "Compenetrarsi" (penna su cartoncino), "Uomini in fiamme" (tecnica mista su tela), ma, in particolare, "Liquefazione della materia" (tecnica mista su tela), "Enfasi" (tecnica mista su tela), "Deflagrazione" (olio e collanti su tela), "Controvento" (tecnica mista), "Nous" (tecnica mista su tela), "Simbiosi" (olio e collanti su tela), "Paralleli" (tecnica mista) rimarcano la ricerca dell'artista, improntata a verificare e a solidificare uno stabile "imprinting".
.......... Gli allungamenti di un colore, che dal perimetro si portano al centro, su una base cromatica, già ripartita e definita, e che, talvolta, si sdoppiano o si ramificano in plurimi tridenti, denuncia un avvertimento poetico.
.......... Non c'è mistero nella pittura di Anna Russo, bensi una partecipata partitura coloristica che si fa interprete di una saggia dispozione nei confronti della vita e dell'esistenza.
.......... Rapportarsi nello spazio del "fare pittura" e della raggiunta "cifra" con il mondo è un sintomo psico-filosofico.
.......... Nelle opere di Anna Russo non esiste la stasi, ma viene sottolineata la "dinamica del raggiungimento".
.......... Essere vigili per arrivare a comunicare, a partecipare, in definitiva.
.......... La pittura di Anna Russo certamente sarà ammonita dal tempo, come crescerà nel tempo.
.......... Sarà corroborata da innesti di nuovi linguaggi, come sarà alimentata da ulteriori e variegate partecipazioni emotive.
.......... Non è senza rilievo questo taglio d'intervento voluto dalla pittrice, perché fornisce una chiave di lettura che vede due tesi incontrarsi ed una, poi, sovrapporsi.
.......... L'impeto del colore, quasi puro, che invade la primaria campitura domina e ruba cosi l'inquadratura.
.......... La densità materica non sembra gravare, ma incide il lascito grafico, il tragitto percorso, la segnatura estrema raggiunta.
.......... Esultano i rivoli ribelli ed esaltano il contrasto, il doppio fondo.
.......... L'aggettazione segnico-cromatica invadendo il campo libera energie.
.......... Impera il dinamismo, e seppur frenato, prosegue in griglie la sua corsa interventista.
.......... La duplicità non sconvolge "nuances" e rase venature, ma converte l'occhio a verificare in prospettiva e a misurare compenetrazioni che tendono a suscitare una nuova integrata dimensione simbolica.

Maurizio Vitiello

torna su