.

        .

           Maurizio Vitiello su Sinibaldi Leone
SINIBALDI LEONE E IL SACRO
..........
 
 
 
.......... Al Centro Culturale "L'Approdo", in Via Matteotti 31 (AV) , diretto con tenace passione e sicura competenza da Elide Rusolo, č stata presentata la mostra "Nova Documenta", curata da Maurizio Vitiello.
.......... Con quest'esposizione č stata suggerita una rapida sintesi su diversi codici linguistici proposti da operatori con studio in Campania, attivi nel panorama delle arti visive contemporanee, su cui si sono soffermati il critico d'arte Carlo Roberto Sciascia e l'erudito studioso Stefano Arcella per il videocatalogo realizzato, in presa diretta, da Luciano Basagni.
.......... Ecco la sequenza espositiva: un'opera d'esprit informel di Sandra Canavotto; l'ultima composizione della famosa serie "Accertamenti Metropolitani", di sapore pop e ludico, realizzato anche con i grattini del parcheggio, di Maria Pia Daidone; un armonico e sintetico lavoro "madi" di Aldo Fulchignoni; un icastico "Cristo 2000" di Sinibaldi Leone; tele con tecnica batik e tre sculture in ferro che ripropongono colori e sinuositą della terra magica indonesiana di Setyo Mardiyantoro; opere oniriche di forte suggestione informale di Mirta; foto-elaborazioni di vecchi e nuovi miti computerizzate di Vincenzo Montella; volti femminili trascendenti e toccati da trasparenze di Renata Pagano; estro- flessioni aggettanti su campiture monocromatiche di Anna Russo.
.......... Alla "vernice" con la stampa č stato particolarmente apprezzato il lavoro di forte impronta religiosa, intitolato "Cristo 2000", con interpretazione teologicamente esemplare, di Sinibaldi Leone, nato nel generoso agro di Pratola Serra (AV), fratello di altri due artisti: Giuseppe Antonello ed Ermonde.
.......... Una pagnotta, tagliata orizzontalmente e contenente una corona di filo spinato, č crocifissa con tre grandi chiodi su una tavola immacolata, attraversata da tre precipitanti rivoli di colore rosso.
.......... Quest'immagine di cocente impatto emotivo, nel contempo forte e semplice, rende palpabile il travaglio del Salvatore, possibile nostro pane quotidiano.
.......... E' definito un eccellente equilibrio compositivo, ottenuto grazie all'acuta manipolazione e disposizione di elementi poveri, che ci fa comprendere che momenti assoluti possono essere resi con perizia tecnica e con intelligente e sacra misura.

Maurizio Vitiello

torna su