.

        .

           Maurizio Vitiello su "Transiti per Fuorigrotta”
                                                  freccia giù

“Transiti per Fuorigrotta”

 

 

..........

 

NOTA STAMPA
 
Sarà inaugurata martedì 4 maggio 2004, alle ore 18.30, al “Museo Minimo” (in Via Detta San Vincenzo – angolo Via Leopardi n. 47, nella zona di Fuorigrotta di Napoli), la mostra, curata da Maurizio Vitiello, intitolata “Transiti per Fuorigrotta”, con opere di Ciro Barbaro Balducci, Maria Pia Daidone, Maurizo Bonolis, Francesco Iuliano, Roberto Sanchez e Salvatore Starace.
Questi artisti di qualità, da molti anni sulla scena artistica campana e nazionale, differenti per stili e caratteri, offrono un serio ventaglio di misurate declinazioni del linguaggio plastico e pittorico contemporaneo.
Sino a mercoledì 30 giugno 2004.
Orario: lunedì e mercoledì, ore 16-19; martedì, giovedì e venerdì, ore 10-12;
sabato per appuntamento, tel. 081/62.11.70.
 
 
Scheda della mostra “Transiti per Fuorigrotta”
a cura di Maurizio Vitiello
 
Nella rassegna ”Transiti per Fuorigrotta”, ospitata nel nuovo spazio del “Museo Minimo”, espongono artisti che propongono "profili mediterranei" nelle loro produzioni.
Si potranno apprezzare lavori ultimi di Ciro Barbaro Balducci, Maurizio Bonolis, Maria Pia Daidone, Francesco Iuliano, Roberto Sanchez e Salvatore Starace, che sicuramente interesseranno e felicemente intrigheranno.
Tensioni, istanze, esiti, palpiti e risultati di ricerche vivono la necessità di confrontarsi.
Questi artisti di qualità, da molti anni sulla scena artistica campana e nazionale, differenti per stili e caratteri, offrono un serio ventaglio di misurate declinazioni del linguaggio plastico e pittorico contemporaneo.
Attuali direttive di molteplici modalità espressive convergono per manifestare attendibili presenze e per determinare una possibile misurata ricognizione.
Lavori di ricerca e notazioni, seriamente conosciuti ed ampiamente riconosciuti, che sostengono un contemporaneo visivo di forte carattere euro-mediterraneo, attivano oggi una prova espositiva per alimentare, in fondo, una solida apertura futura.
Bisogna sottolineare che la creatività nel Mezzogiorno risulta sempre in crescita ed i risultati delle varie indagini in campo hanno bisogno di luoghi di confronto per eventuali dibattiti.
Questo nuovo spazio permette di corroborare la conoscenza di percorsi artistici di seri operatori e di fissare l’attenzione sulle loro fattive ricerche.
Aprile 2004

 

Maurizio Vitiello

torna su