.

        .

           Maurizio Vitiello per Gaspare Traversi
                      
     Un asterisco sulla mostra di Gaspare Traversi
al Castel Sant'Elmo di Napoli

 

 
 
Sabato 13 dicembre, alle ore 11, è stata inaugurata la mostra Gaspare Traversi al Castel Sant'Elmo di Napoli, sulla collina del Vomero.
Oltre un centinaio di dipinti aiutano a ripercorrere le fasi salienti della carriera di questo singolare protagonista della pittura europea, che seppe ben "mettere a fuoco" con straordinaria acutezza d'indagine, consapevolezza analitica e con sagace ironia molte abitudini,  numerosi "riti", mode e costumi adottati dalle diverse classi sociali da lui ritratte in (eleganti) scene d'interni.
Società, moda e teatro esercitarono una forte suggestione sulla produzione artistica del maestro, formatosi a Napoli, probabilmente nella cerchia di Francesco Solimena.
Nei primi anni della sua attività Traversi si dedicò ad una graduale e sistematica revisione della cultura naturalistica del primo Seicento, sull'esempio di Battistello Caracciolo, Jusepe de Ribera e Mattia Preti.
A Roma, dal 1572, entrò in contatto con un ambiente culturale, estremamente vivace, accostandosi presumibilmente anche alle moderne istanze pre-illuministiche, tenendosi al passo con le teorie portate avanti negli stessi anni dal pittore William Hogarth e dallo scrittore Jonathan Swift.
L?esposizione ospita a Napoli, oltre ai capolavori già presentati a Stuttgart la scorsa estate, una più ampia antologia di dipinti a soggetto religioso, eccezionali tele di grande formato provenienti da Napoli, Roma e Parma.
A Castel Sant'Elmo le scene di genere del Traversi sono, inoltre, esposte in un affascinante confronto con dipinti di artisti che operarono nello stesso contesto culturale e con vari arredi, diversi costumi ed accessori d'epoca.
La mostra è promossa dalla Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Napoletano del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in collaborazione con la Staatsgalerie di Stuttgart, dalla Regione Campania, dal Comune di Napoli .
La selezione dei dipinti è stata curata da un Comitato Scientifico costituito da studiosi di fama internazionale, presieduto dal Soprintendente Nicola Spinosa.
Organizzazione della Civita con catalogo edito da "Electa Napoli".
La rassegna resterà aperta sino al 14 marzo 2004.
 
 
Napoli, dicembre 2003

Maurizio Vitiello

torna su  

 
CERIS ARTE
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea