Claudio Grandinetti   

OPERE 1996 - 1999

 
 
178  173  181  179   170  174  171  177
segue opere  Disegni Impossibili                  Clicca sull'immagine per ingrandirla!              segue  segue opere
..
Riflessioni sulle "CASSETTE LUDICHE" di Claudio Grandinetti
di Maurizio Vitiello
..........Ho conosciuto Claudio Grandinetti ed altri amici-pittori e galleristi calabresi nei primi anni Ottanta a Bari, che presentava negli ampi spazi della "Fiera del Levante" le migliori edizioni dell'"Expo Arte", manifestazione che riusciva a raccogliere il meglio dell'offerta artistica italiana, del Nord, del Centro e del Sud, comprese le Isole, e, per alcuni tratti, anche quella europea.
..........Dopo anni di oblio e di stasi l'Expo Arte" ha ripreso, ma non con la tenuta di quel periodo, dove convergevano istanze giovanili, fresche emergenze e stabili storicizzazioni.
..........Oggi l'"Arte Fiera" di Bologna ed altre rassegne d'arte contemporanea ben organizzate in Italia ed all'estero detengono il primato del successo.
..........Attualmente l'"Expo Arte" di Bari naviga, ma non veleggia e non riesce a sfondare mercantilmente sul Levante, anche perché i paesi dell'altro versante marittimo, che si affacciano in su e in giù, non esercitano attenzione sulle arti visive contemporanee, e sappiamo bene che vari e difficili problemi affliggono le nazioni dell'altra sponda, escluse quelle popolazioni che non risentono di motivi di sopravvivenza.
..........Claudio Grandinetti ha fatto molta strada e si è dedicato anche al mondo del computer e da web master imposta pagine sull'arte.
..........L'ultima sua produzione merita particolari valutazioni critiche, perché risulta d'indubbia incidenza e valenza segnica e di  sperimentata e forte caratura ludica.
..........Se prendiamo in considerazione i lavori "Cassetta della vita", "Ruba cuori", "Angeli e Arcangeli" (1996), "Ricordi e ricorsi", "L'Italia piange", "Files" (1997) "Mare nero", "Ghiaccioli", "Neo" (1998), "La luce è buio e la notte ha occhi acuti", "Dolci occhi di fulmine", "Donna sole", "Sole" (1999), "Arte è gioco, gioco è arte", "Teatro", "Facce di marmo", "Cuori", "La bestia sono io" (2000) ci possiamo rendere conto che l'artista ha operato in maniera agile, contrappuntando le sue opere di segni, segnali e segnacoli eminentemente contemporanei, non dimenticando, però, di manipolare citazioni e di percorrere attraversamenti, dopo aver infilato, da par suo, logiche affabulanti e vari codici linguistici.
..........Claudio Grandinetti scrivendo sulle sue opere, in una lettera inedita, a me indirizzata, dichiara che: "Non sono esclusivamente pop io credo, e come certo scoprirai, hanno anche influenze di arte povera, computer art, poesia visiva e di craking art (la plastica è presente)."
..........Concordiamo su questo profilo di segnalazioni agganciate all'arte a cavallo dei secoli XX e XXI.
..........Le opere di Claudio Grandinetti raccolgono suggestioni di un'epoca, indicativi raggi creativi ed ispirazioni.

segue    

frecciadestra.GIF (4027 byte) Ritorna sopra  

 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea