Max Bill  1908 - 1994

 

   

Max Bill nasce a Winterthur, in Svizzera, nel 1908. Allievo di Walter Gropius al Bauhaus dal 1929 al 1932, ne raccoglie l'eredit e cerca di rifondare a Ulm, in Germania, una scuola che ne segua le orme, di cui progetta anche l'edificio. La Hochschule fr Gestaltung attiva dal 1951 al 1957 e rappresenta un polo d'attrazione per i giovani artisti, soprattutto tedeschi, sudamericani e italiani. La sua formazione ne fa un artista estremamente versatile ed eclettico: pittore, scultore, architetto, designer, Max Bill, infatti, anche pubblicista e si impegna nell'organizzazione di mostre di arte astratto-geometrica. Recupera le riflessioni proprie del Cubismo, del Futurismo e dell'Astrattismo geometrico, studia le leggi della percezione e la Psicologia della Forma e applica alla pittura e alla scultura un approccio rigorosamente logico e matematico, ponendosi di fronte a ogni opera come se fosse un teorema scientifico. In uno scritto del 1936 definisce l'arte astratta come arte concreta, intesa come espressione pura dell'armonia e della misura, legata non alla natura esteriore, ma a quella del pensiero.
Max Bill muore nel 1994.

 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea