Alighiero Boetti  1940 - 1994

 

 
     

1940 Nasce a Torino

1960-1965
Abbandonati gli studi di Economia, si interessa di arte e letteratura da autodidatta.
Realizza disegni a china.

1966-1970
Inizia una rapporto con la Galleria Christian Stein, presso la quale presenta la sua prima mostra personale nel 1967.
Realizza tridimensionali con forte connotazione concettuale. Il richiamo della scrittura, che caratterizzerà tutta la sua opera, è già molto forte.
Partecipa a tutte le mostre collettive dell'Arte Povera (Torino, Milano, Genova).
Tre le altre, personali alla Galleria La Bertesca di Genova (1967), nuovamente da Stein (1968) e presso la Galleria Gian Enzo Sperone a Torino (1969).
E' invitato alle storiche rassegne Conceptual Art, Arte Povera, Land Art alla GAM di Torino nel 1970 e Vitalità del Negativo al Palazzo delle Esposizioni di Roma nello stesso anno

1971-1980
Continua incessantemente a sperimentare nuove forme di espressività e linguaggio. E' ossessionato dalla serialità e dall'ordine delle cose.
Vuole codificare tutto: fiumi del mondo, bandiere, segni.
E' insofferente verso il ritmo di vita dell'artista affermato, che gli impone scadenze, mostre, tempi di lavoro e dal 1971 si reca regolarmente in Afganistan.
Nel 1972 inizia la realizzazione dei lavori a biro e dei ricami, che ben presto delegherà ad altre mani.
Tra le principali esposizioni cui partecipa, si ricordano:
Biennale di Venezia, 1972
Eight Contemporary Artists, MOMA, New York, 1974
Kunsthalle, Basilea, 1978 (antologica)

1981-1994
Ha gravi problemi di salute, ma continua incessantemente la sua attività.
Principali mostre:
Identite Italienne - L'art in Italie depuis 1959, Centre Pompidou, Parigi, 1981
Documenta 7, Kassel, Germania, 1982
PAC, Milano, 1983 (con Carla Accardi)
Pinacoteca di Ravenna, 1984 (retrospettiva)
Biennale di Venezia, 1986, 1990 (sala personale), 1993
Musée de Lyon (Francia), 1986 (retrospettiva)
Kunstverein, Bonn, 1992 (retrospettiva)
Kunstmuseum, Lucerna (Svizzera), 1993 (personale)
MOCA, Los Angeles, 1994 (personale)

Muore a Roma nel 1994.

 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea