Pier Paolo Calzolari  1943

 

 

 

Nato a Bologna, ha 56 anni e vive, per il momento, a Fossombrone (Pesaro) in una grande casa con un paio di assistenti. La vicinanza con Urbino e, in particolare, la sua stretta amicizia con Paolo Volponi, hanno inciso sul suo ricco percorso culturale. La sua inquietudine lâha spinto a soggiornare in vari Paesi e del mondo ed il suo istinto ad amare in vari modi e maniere, così come,in vari modi e maniere , egli usa i materiali per i suoi prodotti artistici. Ha iniziato ad esporre allo studio Bentivoglio a Bologna (1965-1968)per proseguire alla galleria Sperone a Torino (1969-1970). Da quegli anni data la sua fama quale esponente dellâArte Povera in Italia,che lo ha portato ad essere rappresentato ed esposto in molti Musei Internazionali. La sua scultura materica, le sue concrezioni di stagnola e legni amorfi, le sue scale ricoperte di margarina o di piombo sono notissime. Ricca è la bibliografia dei suoi scritti e di quelli che gli sono stati dedicati. Nel 1999 ha esposto a Le Crestet ed alla Galleria dâArte Moderna, Villa delle Rose a Bologna. Il lavoro di Calzolari è quanto di meno ripetitivo e scontato sia dato nel panorama artistico degli ultimi cinquant'anni, così come il suo percorso non è immediatamente riconducibile a schemi precostituiti. L'arte, per lui, è luogo di trasformazione che si avvale di materiali effimeri e precari.
Nella fase più recente del lavoro di Calzolari il dialogo con la storia si è fatto più serrato, quasi a sviluppare quell'attitudine "a determinare incontri" dichiarati già nel 1969 nel suo testo La casa ideale. La mostra allo Studio la Città è densa di innesti e sorprese: tavoli con oggetti sollevati dall'acqua e quadri monocromi d'oro, di bianco e di nero; treno elettrico con pentola di minestra che bolle e fogli macchiati dal nero fumo delle candele; installazione con vestito che danza all'aria sostenuto da un grappolo di palloncini. La modulazione in quanto modo serenamente variabile: la danza, la pittura, la scultura e la performance sono condotte a nuove sintesi.
Negli ultimi anni ha presentato mostre personali a Parigi, Tours, Lausanne, Saint-Paul-de-Vence, Colonia, Atene, Anversa, Firenze, Roma, Torino, Modena.
 
 
 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea