GRUPPO DEGLI OTTO, GRUPPO MANES

 

                Costituitosi nel 1952 per impulso critico di Lionello Venturi dopo la scissione del Fronte Nuovo delle Arti, il Gruppo degli Otto ne accoglie gli artisti pi¨ legati all'astrazione: Birolli, Corpora, Morlotti, Santomaso, Turcato, Vedova. Ad essi si unirono Afro e Moreni provenienti dal"Fronte nuovo delle arti".
                Presentati in quello stesso anno alla Biennale di Venezia questi autori proposero un'arte che rinunciava contemporaneamente sia all'approccio figurativo sia al formalismo neocubista per un astrattismo non esente da note impressionistiche. In pratica si ispirano all’astrattismo lirico francese, partendo dall’Orfismo e volevano raggiungere una nuova armonia attraverso una identificazione poetica con la natura. Non erano nÚ realisti nÚ astrattisti ma si abbandonavano al piacere della materia e degli accordi lirici del colore.
                Intorno alla metÓ degli anni '50 tendenze centrifughe legate alla forte personalitÓ artistica dei suoi autori presero il sopravvento sul programma unitario portando alla dispersione del gruppo.
                La scissione fu inoltre favorita dall'avvento della poetica informale giÓ annunciata con l'introduzione nelle loro opere di elementi materici e di modi gestuali.
                In Cecoslovacchia parallelamente al gruppo degli otto italiano nasce il Gruppo Manes. Associazione di artisti che occupa una posizione di primo piano nel panorama artistico fra le due guerre. Era la continuazione ideale del Gruppo degli Otto e di quello che si era costituito prima della guerra pigliando come punto di riferimento le esperienze pittoriche francesi. Ne fu animatore Emil Filla, intorno al quale si raccolsero, tra i vari artisti, Vaclav Spak, Rudolf Kremlicka, Bohumil Kubista e lo scrittore Otto Gutfreund.
Santomaso Turcato Afro moreni opera
Opere di Santomaso, Turcato, Afro e Moreni
 
 
CERIS ARTE
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea