Sol Lewitt  1928 - 2007

 

Sol Lewitt (nato nel 1928 a Hartford, Connecticut) è stato uno degli artisti che hanno maggiormente contribuito a proseguire e sviluppare quel processo iniziato col Modernismo, per capovolgere la definizione e le regole convenzionali della prassi artistica e della sua produzione materiale attraverso l’abolizione delle nozioni di unicità, di irripetibilità, di abilità individuale nell’esecuzione manuale e in favore di un primato assoluto dell’idea. Nell’arte concettuale, di cui Lewitt negli anni sessanta è stato uno dei padri fondatori, l’idea o appunto il concetto rappresenta l’aspetto più importante dell’opera d’arte. Ogni decisione sull’esecuzione e sulla presentazione di un’opera d’arte è presa antecedentemente e la sua realizzazione diviene un aspetto secondario, tanto che può essere attuata da chiunque purché si rispettino le istruzioni dell’artista, la precisa esplicazione della sue intenzioni, della sua idea. Per usare le parole dell’artista, l’idea diventa lo strumento che produce l’arte. Nel 1988 LeWitt inizia due serie che ancora oggi caratterizzano la maggior parte della sua produzione scultorea: i Complex Forms, strutture in legno bianco, articolate in forme prismatiche irregolari le cui punte ricordano le guglie di architetture gotiche, e le Pareti o i Cubi, realizzati soprattutto in blocchi di pietra o di cemento. Questi ultimi, pur dimostrando un minimalismo intransigente, non sono privi di concessioni all’ambiente o alla storia di un luogo, basti ricordare il Monumento agli ebrei scomparsi del 1987, un’enorme parete rettangolare in cemento nero realizzata per una pubblica piazza a Münster.
Nel suggestivo progetto per Piazza Plebiscito a Napoli la scultura assume un carattere architettonico. Lewitt ha progettato una struttura quadrangolare (circa 23 metri di base x circa 3 metri di altezza) tra le due monumentali statue equestri che determinano visualmente lo spazio, attraverso l’impiego di un impianto modulare, elaborato attorno all’utilizzo di mattoni bianchi in pietra di Trani corrispondenti alle misure standard della tecnica edilizia e perciò ricomponibili da chiunque. L’artista, attraverso la configurazione decrescente dei mattoni che formano la costruzione, scompone e ricompone il dialogo con lo spazio urbano e il suo contesto storico-politico, costruendo un percorso visivo e fisico per lo spettatore, che è come assorbito e reso partecipe dell’idea anche nel movimento attraverso la piazza.
Negli ultimi anni era tornato a risiedere a Chester, negli Usa, con la seconda moglie Carol Androccio e con le loro figlie.E' morto a New York il 9 aprile 2007 all'età di 78 anni.

 
 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea