NOVECENTO

 

                 Movimento artistico costituito a Milano nel 1922 intorno al gruppo dei Sette (Anselmo Bucci, Leonardo Dudreville, Achille Funi, Gian Emilio Malerba, Piero Marussig, Ubaldo Oppi, Mario Sironi) riuniti alla galleria Pesaro dalla critica Margherita Sarfatti.
                 Il gruppo si tresformò ufficialmente in movimento, il Novecento Italiano,  in occasione di due mostre di Palazzo della Permanente di Milano
(1926 e 1929), cui parteciparono i maggiori pittori e scultori, spesso di tendenze opposte, operanti in Italia. Nonostante la volontà di darsi un'identità critica unitaria, il movimento corrispondeva più a un certo clima culturale che a un orientamento estetico preciso: più che proporre una teoria stilistica ben articolata, esso incitò e trattare determinati soggetti (ritratto, natura morta e paesaggio).
                 Il recupero della tradizione figurativa del primitivismo giottiano e del Rinascimento italiano contro gli eccessi delle avanguardie era finalizzato al controllo della forma e del volume all'interno di composizioni perfettamente equilibrate e raffinatissime (già presente in Valori Plastici  e nella pittura metafisica di De Chirico e Carrà). Il tutto in nome di un classicismo dai contorni piuttosto imprecisi.
                 Intorno al 1930, le implicazioni ideologiche del '"itorno all'ordine" e di una mal definita "italianità" parole d'ordine che ben si adattavano alla politica culturale del regime, favorirono una svolta fascista che determinò polemiche e scissioni all'interno del gruppo.
                 Novecento si manifestò anche nella letteratura (Bontempelli) e nell'architettura (G. Muzio, P. Portaluppi, G. Ponti).
Sironi Sironi2
Due opere di Mario Sironi
 
 
CERIS ARTE
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea