PHASES

 

                Rivista di documentazione sulla poesia e sull'arte d'avanguardia fondata e diretta dal poeta E. Jeguer (1954-75) a Parigi. Ben presto diventa un movimento estetico non solo parigino ma europeo.
                Aperta al contesto internazionale, intrattenne rapporti privilegiati con alcuni artisti dell'Europa dell'Est ma anche con quelle correnti contemporanee che si rifacevano alla poetica surrealista (Cobra e Arte nucleare).
                In quel periodo si collegano a "Phases" le riviste: "Edda", belga, "Boa", argentina, "Il Gesto", "Esperienze moderne" e "Documento sud", italiane.
                Proprio tra gli artisti italiani che vi collaborano figurano i nomi di Enrico Baj, Giuseppe Capogrossi, Sergio Dangelo, Gianni Dova, Lucio Fontana, Emilio Scanavino. Pur non trascurando gli autori di fama già consolidata (Matta o Ernst), la rivista tendeva alla promozione di artisti ancora poco conosciuti (Golycheff o Pèrahim, ma anche Baj e Klaphek).
                 L'apparizione annuale del periodico fu spesso accompagnata da mostre che ribadivano la preferenza per una pittura basata su una concezione fantasmatica dell'arte.
Dova Baj klaphek
Opere di Dova, Baj e Klaphek

 

 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea