Enrico Prampolini 1894- 1956

                      

Enrico Prampolini                             

Generalmente considerato come il più illustre rappresentante della generazione futurista del primo dopoguerra. Legato al Movimento sin dal 1912, impegnato in posizioni di primo piano nelle riviste futuriste "Noi" e "Stile Futurista", scenografo, pittore, designer, è l'artista che ha i rapporti più frequenti con tutta l'avanguardia europea (dai Dada a Der Sturm, dal Novembergruppe al Bauhaus). Nel settore dell'architettura può rivendicare - se pur in forme ancora non compiutamente mature - la primogenitura futurista col suo "L'atmosfera-struttura futurista. Basi per una architettura" (1913-1914), ed é a lui che Marinetti fa riferimento nelle due principali concrete operazioni in cui il movimento futurista è chiamato ad autorappresentarsi.

 

 
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea