VALORI PLASTICI

               
 Rivista edita a Rorna tra il 1918 e il 1922 sotto la direzione del pittore e collezionista M. Broglio. lnizialmente votata alla diffusione delle idee estetiche della pittura Metafisica - con la collaborazione di De Chirico, Savinio e CarrÓ - si aprý alle correnti dell'avanguardia europea, pubblicando per la prima volta in Italia, scritti su Chagall, Derain, Kandinskij e su De Stijl, Cubismo e Cavaliere Azzurro.
                 Interessata al rapporto tra tradizione italiana e modernitÓ europea, tra speculazione concettuale e fare pittorico, a partire dal 1920 finý con l'entrare in polemica con le tendenze d'avanguardia e, in sintonia con il clima "neoclassico" allora vigente in Europa, si orient˛ decisamente verso un ritorno all'ordine che esaltava la cultura figurativa del Trecento e del Quattrocento italiano, considerata da un punto di vista esclusivamente formale.
                 Il recupero dei "valori nazionali" e della "tradizione italica" fu sostenuta dalla politica culturale del regime fascista. Arricchita di un'edizione francese, ebbe diffusione, pur rimanendo entro una cerchia ristretta di connaisseurs.
 
Morandi2
Un'opera di Morandi

 

 
CERIS ARTE
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea