artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti,artisti

        .

 

 

MAGICO PADIGLIONE ITALIA  
 

 

 
 
Comunicato Stampa
 
MOSTRA ARTI VISIVE

titolo: MAGICO PADIGLIONE ITALIA

Artisti partecipanti: Silvia Abbiezzi, Tiziana Baracchi, Athos Collura, Carmela Corsitto, Laura Cristin, Silvio De Campo e Renata Galiazzo, Adolfina De Stefani, Stella Dina, Fernanda Duso, Mauro Gentile, Paolo Gobbi, Claudio Grandinetti, Antonello Mantovani, Milena Milani, Gianni Noli, Paolo Rosso, Roberto Sanchez, Gianluca Scordo, Salvatore Starace, Giovanni e
Renata Strada.
 
luogo:   VIRTUAL MUSEUM 3 - Via Gozzer 19  38051 Borgo Valsugana TN  - ITALIA
mobile: 347/0403128
e-mail:  daliobaracchi@hotmail.com

a cura di: Giancarlo Da Lio e Adolfina De Stefani

Inaugurazione dalle ore 11.00 di domenica 25 dicembre 2005 con
introduzione critica di Giancarlo Da Lio
 
dal 25 dicembre 2005 al 17 gennaio 2006

visite su appuntamento
TIZIANA BARACCHI
VIA CAVALLOTTI 83 B
I - 30171 VENEZIA MESTRE
ITALIA
 
 
   
 
Comunicato Stampa
Una simbiosi naturale. La magia della notte di Natale per una mostra magica come quella del Magico Padiglione Italia. Un modo di chiudere un anno che ha visto questa mostra essere ospite del Garage N. 3 Gallery in Venezia Mestre sino alla data del 6 novembre termine ufficiale della 51ma Biennale di Venezia. Poi ospite del Palazzo del Turismo di Montegrotto Terme ed infine approdare  al Virtual Museum 3 all’interno dell’atmosfera natalizia così caratteristica nel panorama trentino. Non poteva che essere così. Con questa nuova mostra è un portare, secondo ormai tradizione, al Virtual Museum 3 i nuovi documenti del nostro operare e poter pensare al nuovo percorso. Nuovo ma sempre deciso nel calcare gli ideali della Nuova Frontiera.
 
                                                                                                                                   Giancarlo Da Lio

 
 
Artisti partecipanti:

Silvia Abbiezzi: Grazie per  ricordarci quello che in quest’ epoca abbiamo dimenticato. Usare non sempre accompagna l’avverbio proficuamente.

Tiziana Baracchi: Non sempre il progresso è positivo. L’informatizzazione può essere paragonata al sacello della conoscenza.

Athos Collura: Alcune opere sono annullate dal codice a barre. Un codice a cui ci siamo abituati ma che può diventare controllo delle libertà.

Carmela Corsitto: Il plexiglass serve a evidenziare il consumo di un oggetto quotidiano e quindi considerato insignificante. Verità?

Laura Cristin: La performance è l’atto continuativo con cui esprime il suo essere multimediale.

Silvio De Campo & Renata Galiazzo:  Drink parola che è entrata a far parte del nostro vocabolario. Ma bisogna stare attenti  agli effetti non solo collaterali.

Adolfina De Stefani: Padova sarebbe più povera senza la presenza di un’artista che è abituata a dare più che a ricevere.

Stella Dina: La decisione, la fermezza, il non lamentarsi  sono caratteristiche che si apprezzano in un mondo dove  spesso gli artisti hanno deciso di essere solo clientes.

Fernanda Duso: Sta vivendo una sua nuova fase operativa senza rinnegare il passato. Non tutti possono avere una storia.

Mauro Gentile: Opere su carta che sottolineano la continuità con il suo operare anche nel campo dell’architettura.

Paolo Gobbi: La delicatezza e nello stesso tempo la decisione delle sue composizioni ci fanno capire che il capitolo sulla pittura non è ancora chiuso.

Claudio Grandinetti: Le sue Teste Vuote hanno molto da dirci su di un mondo che tende sempre di più all’unica dimensione.

Antonello Mantovani: Il sacro nell’arte espresso dal tempo. Tutto il tempo necessario per arrivare alla realizzazione .

Milena Milani: Un legame Magico con tutto il mondo dell’arte del secondo novecento che ci insegna a non rinunciare nei sogni.

Gianni Noli: Continuità tra la performance e l’opera. E’ riuscito a realizzare i due momenti in una visione unitaria.

Paolo Rosso: Opere con cui ci ricorda la frantumazione a cui noi tutti siamo sottoposti ed al nostro continuo tentativo di recupero.

Roberto Sanchez: Le sue opere da viaggio, mobili affermano il suo volere non fermarsi in situazioni logore che hanno poco da dire.

Gianluca Scordo: La fotografia non è l’unico momento creativo. Poiché più sperimentazioni concorrono alla creazione dell’opera.

Salvatore Starace: Osmosi è la parola che più ci fa capire  cosa significa frequentare gli altri senza inutili personalismi.

Giovanni e Renata Strada: Dov’è il vecchio Fred? È ritornato con il sottomarino giallo dalla sua Renata per iniziare un nuovo percorso. La parola fine non ha senso.

                                                                                                                                  Giancarlo Da Lio


Links:
 
http://www.sitart.org/eventi/artistici.htm
http://www.exibart.com/profilo/eventiV2.asp?idelemento=26216
http://www.francoma.it/notizie/notiziehome.htm
http://www.tuttoearte.it/evento/new.asp?id=324
http://www.arte.go.it/eventi/2005/1262.htm
http://www.arteglobale.it/zoom_evento.aspx?id=106
http://www.teknemedia.net/dettaglio_news.html?newsId=13971
http://undo.net/cgi-bin/press.pl?id=1135253888
http://www.viaoberdan.it/index.php?title=Mostre_Dicembre_2005
http://www.romacultura.it/agenda/agenda_italia.html
 

torna su  

 
logcerisarte.gif (3443 byte)
Contenitore d'Arte Moderna e Contemporanea